Novità

Le nostre news

Differenza tra usufrutto e diritto di abitazione

Differenza tra usufrutto e diritto di abitazione

Partiamo da una semplice premessa: l’usufrutto, il diritto di uso ed il diritto di abitazione sono 3 forme giuridiche differenti, progressivamente più limitativi (il diritto di uso è più limitativo di quello di usufrutto ma meno di abitazione).

Come abbiamo già spiegato nell’articolo Cos’è l’usufrutto e come si calcola? l’usufruttuario ha il possesso dell’immobile, può abitarlo e affittarlo, percependone il canone. Il diritto può essere concesso per tutta la vita del beneficiario, come di regola avviene, ma anche per un periodo determinato.

Il diritto di uso e abitazione per talune caratteristiche (la durata, l’estinzione) fa riferimento alle regole stabilite per l’usufrutto. Il contenuto è più ridotto in quanto limitato ai bisogni del titolare e dei suoi familiari; può riguardare una sola abitazione (o una parte di essa) e i suoi accessori.

In particolare l’uso attribuisce al suo titolare il potere di servirsi del bene e, nel caso sia fruttifero, di raccoglierne i frutti, ma solo per quanto occorre per i bisogni suoi e della sua famiglia.

Aggiungiamo, poi, che l’usuario non può appropriarsi dei frutti civili, cedere il diritto o dare in locazione il bene.

Per l’abitazione i poteri del titolare del diritto sono ancora più limitati. In questo caso il diritto è limitato alla solo abitazione della casa, escluso, quindi, l’uso del bene. 

Anche per l’abitazione vige il divieto di cessione e di locazione, ma in entrambi i casi vi è l’obbligo delle riparazioni ordinarie, alle spese di coltura (per l’usuario), al pagamento dei tributi come l’usufruttuario (articolo 1025 del Codice Civile).

Chiudiamo l’argomento ricordando che l’art. 1026 c.c. dispone che le disposizioni relative all’usufrutto si applicano, in quanto compatibili, all’uso e alla abitazione, confermando, così, la “parentela” tra questi tre diritti reali.

Spero questo articolo possa esservi stato di aiuto.

Alice – www.ortalloggi.com

Fonti: