Novità

Le nostre news

Condizione di reprocità – cosa significa?

Condizione di reprocità – cosa significa?

Com’è noto nel nostro ordinamento vige il principio di reciprocità di cui all’art. 16 delle disposizioni preliminari al Codice Civile, il quale stabilisce che lo straniero, sia esso persona fisica o giuridica

è ammesso a godere dei diritti civili attribuiti al cittadino a condizione di reciprocità e salve le disposizioni contenute in leggi speciali

Spostandoci sul solo ambito immobiliare, perché uno straniero possa acquistare una casa in Italia, deve essere soddisfatta la condizione di reciprocità.

Cosa significa? In parole semplicissime e facendo un esempio pratico, se un italiano può acquistare una casa in Canada, un canadese può acquistare in Italia.

Sembra una regola semplicissima, ma non è così. In teoria basterebbe controllare che la condizione di reciprocità sia soddisfatta leggendo il documento al seguente link http://www.esteri.it/mae/it/ministero/servizi/stranieri/elenco_paesi.html

Esso rimanda direttamente alla pagina del Ministero degli Esteri, che però non è probatoria e quindi è necessaria un’ulteriore verifica presso le ambasciate o controllando direttamente le leggi del Paese interessato.

Sembra ancora abbastanza semplice, ma vi assicuro che se in Italia abbiamo un sistema di leggi complesso, ma alla consultazione abbastanza semplice, in altri Paesi può non essere così.

Prendiamo ad esempio un caso che ho affrontato l’anno scorso. Una mia cliente di Singapore voleva acquistare un appartamento con un giardinetto ad Orta.

Mi sono lasciata affiancare in questa indagine dal Notaio Gatti di Omegna, che per me ha gestito molti casi di compravendita a stranieri.

Insieme abbiamo parlato con il Ministero degli Esteri, con l’ambasciata italiana a Singapore, con il consolato di Singapore in Italia, con il notariato e, come ultima spiaggia, con un notaio esperto in compravendite a persone extracomunitarie. Ma ancora oggi non abbiamo ricevuto risposte convincenti. Un’antica legge di Singapore, infatti, prevede la non reciprocità di acquisti fondiari, ovvero che interessano latifondi. Nel nostro caso si trattava di un giardino di meno di 100 metri quadri, non un appezzamento vasto, ma nessuna delle autorità interpellate ci ha confermato la vendibilità del terreno.

Così, purtroppo, la mia cliente non ha potuto acquistare il giardino.

Questo è solo un caso, per spiegare come sia difficile a volte conoscere l’effettiva applicazione del principio della reciprocità degli acquisti immobiliari. 

La reciprocità si attiene alla capacità giuridica del soggetto che si connette in maniera diretta alla nullità del negozio giuridico posto in essere dal soggetto incapace. In altre parole, l’atto di compravendita che trasferisce un immobile ad un soggetto straniero per cui non è applicabile il principio di reciprocità, è nullo!*

Attenzione quindi anche quando vi sono preliminari di compravendita con caparre importanti! 

Per il caso dei clienti svizzeri ho pensato di scrivere un post separato che potete trovare al seguente link Vendere ad acquirenti svizzeri

Al seguente link invece troverete il pdf con l’elenco dei paesi in cui è ammessa o meno la reciprocità, ricordate che è una mia rielaborazione delle indicazioni date dal Ministero degli Esteri, ma comunque, purtroppo, non probatorio. Scaricate il pdf  Reciprocità tabella

Per qualsiasi informazione circa il processo di acquisto di una casa in Italia, scrivetemi a info@ortalloggi.com, io sarò felice di rispondere alle vostre domande.

Alice – www.ortalloggi.com

* Tribunale di Roma, sentenza del 30 agosto 1989.